giovedì 29 Ottobre 2020
Home / Comunicati e Rassegna Stampa / Firenze, un percorso dedicato alla Sla all’ospedale Careggi

Firenze, un percorso dedicato alla Sla all’ospedale Careggi

Fonte: www.redattoresociale.it 

Si tratta di un nuovo modello assistenziale condiviso per rispondere a specifiche esigenze diagnostiche, terapeutiche e assistenziali.

FIRENZE – All’ospedale fiorentino di Careggi parte un percorso dedicato alla Sla in collaborazione con Aisla Sezione di Firenze. Si tratta di un nuovo modello assistenziale condiviso per rispondere a specifiche esigenze diagnostiche, terapeutiche e assistenziali. Nello specifico, è un modello ospedaliero basato sulla collaborazione fra tutti i professionisti sanitari coinvolti, la persona malata e i suoi familiari a garanzia delle cure ma anche dei bisogni più complessi della persona.

L’obiettivo sarà quello di mettere al centro del percorso il paziente nell’intento di rispettare ogni sua scelta e renderlo soggetto pro-attivo. Il percorso assistenziale all’interno di Careggi dedicato alle persone con Sla si avvale del coinvolgimento di diverse figure professionali che compongono un team multiprofessionale e multidisciplinare dedicato alla gestione della patologia nelle diverse fasi evolutive della malattia. Il team è composto dai seguenti professionisti: neurologo, pneumologo, palliativista, dietista, fisioterapista, foniatra, infermiere case manager, medici ed infermieri della Agenzia di continuità assistenziale. Altri professionisti coinvolti, se necessario, sono l’oculista e l’otorinolaringoiatra.

sla-malattia-motoneuronale-636x310
Il team interviene, sulla base delle necessità emergenti, attivando il professionista di riferimento, al fine di garantire alle persone affette da Sla un’assistenza ospedaliera personalizzata che valorizzi i bisogni psicologici, sociali e la salute di genere. Il Pdta (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale), infatti, è uno strumento di gestione usato proprio per definire il migliore processo clinico – assistenziale che risponda a specifici bisogni di salute, per ridurre la variabilità non necessaria e per aumentare la qualità dell’assistenza e del servizio offerto. Il passo successivo, dunque, sarà proprio quello di integrare il protocollo ospedaliero con un percorso territoriale capace di accogliere e gestire l’alta complessità assistenziale richiesta dalle persone affette da questa grave patologia.

Controlla anche

ASSEMBLEA DEI SOCI

Assemblea dei Soci In ottemperanza alle vigenti disposizioni normative che impongono il distanzamento sociale a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *