martedì 22 agosto 2017
Home / Comunicati e Rassegna Stampa / La filosofia di un formatore: non insegnate a salvare vite

La filosofia di un formatore: non insegnate a salvare vite

Fonte: www.emergency-live.com

Per poter salvare vite i soccorritori devono conoscere le regole ma, cosa ancora più importante, dentro queste regole si devono riconoscere; è qui dunque che entra in gioco il ruolo del formatore. E’ solo infatti nel momento in cui il formatore è in grado di trasmettere la passione per questo lavoro che il percorso di formazione raggiunge il salto di qualità e garantirà di aver formato non solo degli operatori che salvano vite ma dei veri e propri soccorritori.

bls_formazione

Alla base del percorso di formazione sta quindi il metodo con cui si propongono le cose e con cui si vanno a correggere gli errori. Di estrema rilevanza è quindi non solo la proposta ma anche l’errore. Perché l’errore è uno step della crescita, che non deve essere demonizzato ma

  • Accettato
  • Analizzato
  • Corretto

Dal momento in cui si prende atto dell’errore se c’è una buona analisi c’è anche una buona correzione. E’ quindi fondamentale spiegare perché si sbaglia e soprattutto che cosa invece si deve fare. Perché l’errore dev’essere assolutamente assorbito dai soccorritori ma deve anche insinuare negli stessi formatori il dubbio di essere stati sufficientemente chiari.

Continua a leggere su www.emergency-live.com

Controlla anche

antincendio

Scandicci, incendio sterpaglie. Grossa colonna di fumo

Incendio a Scandicci. I vigili del fuoco di Firenze stanno intervenendo in viuzzo del Roncolino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *