mercoledì 20 settembre 2017
Home / Comunicati e Rassegna Stampa / Vaccini, ecco la legge della Regione: obbligo fino alla materna e in piscina

Vaccini, ecco la legge della Regione: obbligo fino alla materna e in piscina

di Giulio Gori, Fonte: www.corrierefiorentino.corriere.it

Il testo della commissione di esperti più duro rispetto all’Emilia. «Un dovere il rigore»

La legge sull’obbligo delle vaccinazioni per iscriversi all’asilo c’è e arriverà in giunta entro fine mese. Riguarda i nidi, le scuole materne e le «comunità infantili» (come le piscine o i campi solari).

La bozza

La bozza è stata licenziata lunedì 9 gennaio dalla commissione di esperti nominata dall’assessore regionale alla salute, Stefania Saccardi. In attesa dell’imprimatur dell’assessore, ieri assente al vertice di via Alderotti, passa così la versione più estensiva della legge: la norma si ispira a quella già approvata dall’Emilia Romagna; che però aveva deciso di limitare l’iscrizione ai soli asili nido ai bimbi che hanno ricevuto le «vaccinazioni obbligatorie» (polio, difterite, tetano e epatite B); in Toscana invece saranno i dieci vaccini previsti dal piano vaccinale nazionale (polio, difterite, tetano, epatite B, haemophilus B, morbillo, parotite, rosolia, pneumococco e meningococco C) a diventare requisito essenziale per l’ingresso ai nidi, materne e alle comunità infantili.

vaccino

Capitolo materne

Quello delle materne era il capitolo più spinoso: in Regione si teme che (visto che il ministero dell’Istruzione ha parificato le scuole dell’infanzia alla scuola dell’obbligo) possa sorgere un conflitto di competenze. Ma Saccardi nei giorni scorsi era stata risoluta: «Se gli uffici legali non mi diranno che è impossibile farlo, inserirò le materne nella legge. Sarà eventualmente lo Stato a impugnare la norma. Ma io sento il dovere del rigore sui vaccini». Su questo punto, entro la fine della settimana ci saranno nuove valutazioni giuridiche, ma l’ultima parola spetterà comunque a Saccardi. E appare significativo che siano stati gli stessi uffici legali della Regione, che avanzavano dei dubbi, ad inserire le materne nella bozza sottoposta ieri al vaglio della commissione di esperti.

Gli obiettivi

Il testo, composto da un unico articolo, prevede l’obbligo dei vaccini anche per accedere alle comunità infantili, un punto voluto dai medici che fanno parte della commissione: la legge non esplicita il riferimento a piscine e campi solari, ma richiama tutte le realtà collettive in cui i genitori diano i bimbi in «custodia». Tradotto, non ci sarà l’obbligo di vaccinare il bambino per portarlo in piscina negli orari a libero accesso, ma sarà necessario farlo se lo si vuole affidare a un istruttore per un corso di nuoto. L’obiettivo di Saccardi, malgrado le critiche ricevute da genitori anti-vaccinisti (come ha ricordato Paolo Mieli in un editoriale sul Corriere della Sera), è di interrompere il calo della vaccinazioni infantili, scese anche in Toscana sotto la soglia critica del 95%, indicata dagli esperti come l’obiettivo da raggiungere per ottenere un’«immunizzazione di gregge».

Controlla anche

liberi di pedalare

‘Liberi di pedalare’: pedalata sui sentieri della memoria

Liberi di Pedalare’, l’iniziativa fissata per domenica 17 settembre 2017 tra Signa, Lastra a Signa, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *