giovedì 22 febbraio 2018
Home / Comunicati e Rassegna Stampa / Slow Medicine. Infermieri a confronto a Siena il 28 ottobre

Slow Medicine. Infermieri a confronto a Siena il 28 ottobre

Fonte: www.quotidianosanita.it

“Tra le proposte che solleveremo c’è anche quella di attivare un osservatorio permanente sull’appropriatezza delle pratiche infermieristiche nel territorio”, annuncia il presidente del Collegio Ipasvi di Siena. Nel corso della giornata di seminario verrà anche attribuita la borsa di studio in memoria di Edoardo Micheli, presidente del Collegio prematuramente scomparso.

Come orientarsi sui principi di Slow Medicine. È questo il tema che il Collegio Ipasvi di Siena ha scelto per la giornata di seminario che avrà luogo il prossimo 28 ottobre presso l’aula 1/2 dell’Università per Stranieri (piazza Carlo Rosselli – Siena) e che riunirà gli infermieri dell’intera provincia di Siena.

Nell’occasione verrà attribuita la borsa di studio dedicata alla memoria di Edoardo Micheli, presidente del collegio prematuramente scomparso, che sarà assegnata a uno studente iscritto al 2° anno del Corso di Laurea in Infermieristica dell’Università di Siena.

infermiere-che-tiene-la-mano-di-una-paziente-e1473687489903
“Facciamo un mestiere bellissimo e molto difficile – commenta il presidente del Collegio Ipasvi Siena, Michele Aurigi in una nota che annuncia l’evento –, e il seminario è un momento davvero importante per la nostra crescita. Ci sembra questa la cornice perfetta per ricordare concretamente Edoardo Micheli, un collega che tanto ha amato la professione. Lo facciamo offrendo ai giovani aspiranti infermieri meritevoli la possibilità di aggiudicarsi una borsa di studio che li possa aiutare nel percorso di formazione. Tra le proposte che solleveremo il 28 ottobre c’è anche quella di attivare un osservatorio permanente sull’appropriatezza delle pratiche infermieristiche nel territorio. Un tema che a nostro avviso deve essere molto caro anche ai cittadini tutti”.

Controlla anche

Daniele santabarbara

Norcia, un anno dopo e l’odore dei pasti sotto la neve. La storia di Daniele, volontario Humanitas

Fonte: blog.ilgiornaledellaprotezionecivile.it Grazie alla possibilità data dal Servizio Civile per poter partecipare alle attività di emergenza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *