sabato 22 luglio 2017
Home / Comunicati e Rassegna Stampa / Firenze. Omceo promuove incontro sui medici che lavorano “ai margini”

Firenze. Omceo promuove incontro sui medici che lavorano “ai margini”

Fonte: www.quotidianosanita.it
 Si parlerà di guardia medica, di medicina penitenziaria, di contratti professionali anomali, di coloro che prestano assistenza ai “senza patria” approdati sulle nostre coste. Un convegno interamente dedicato “agli emarginati all’interno della classe medica, spesso – e qualche volta a torto – considerata quella nobile e privilegiata”.
“Nell’epoca in cui si parla tanto di immigrazione, emarginazione e integrazioni sociali, può colpire un convegno interamente dedicato agli emarginati all’interno della classe medica, spesso – e qualche volta a torto – considerata quella nobile e privilegiata. Ma la Commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Firenze ha deciso di correre questo rischio, intitolando un intero convegno proprio alle categorie mediche in apparenza e de facto collocate ai margini di un‘attività straordinariamente proiettata a migliorarsi e a favorire le migliori garanzie alla cittadinanza”.
medico-300x200

Così l’Ordine dei medici di Firenze annuncia l’appuntamento “Dai margini delle professione all’integrazione”, in cui si parlerà di guardia medica, di medicina penitenziaria, di contratti professionali anomali, di assistenza ai “senza patria” approdati, con le loro malattie e il loro carichi di problemi, sulle nostre coste.

“Le colleghe, che hanno organizzato l’incontro e che esporranno le varie relazioni, tenderanno proprio a chiarire il ruolo di queste figure fondamentali della medicina italiana contemporanea, rivalutandone i compiti e la funzione”.

L’incontro è fissato all’Ordine dei Medici di Firenze, Via G.C. Vanini 15 lunedì 24 ottobre 2016 , dalle 14 alle 18.30.

Controlla anche

SEPSI

Lotta alla Sepsi, in Toscana il primo programma sanitario

Fonte: www.055firenze.it Sepsi emergenza sanitaria globale, in crescita vertiginosa soprattutto nei Paesi ad alto reddito. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *