sabato 22 luglio 2017
Home / Comunicati e Rassegna Stampa / Calamità naturali, la città più sicura grazie alla Pubblica Assistenza Humanitas

Calamità naturali, la città più sicura grazie alla Pubblica Assistenza Humanitas

fonte: www.gonews.it

La Compagnia di Pubblica Assistenza Humanitas di Scandicci, in contemporanea con centinaia di associazioni di Protezione Civile sparse in tutta Italia, il prossimo sabato 15 e domenica 16 ottobre allestirà in Piazza della Resistenza un punto informativo della campagna nazionale “Io Non Rischio”. Promossa dal Dipartimento della Protezione Civile su impulso dell’Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze e realizzata d’intesa con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e la Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, la campagna di prevenzione “Io Non Rischio”, sarà realizzata grazie all’impegno e al coinvolgimento di oltre 7.000 volontarie e volontari di Protezione Civile, che predisporranno gli stand informativi in 841 piazze italiane.

L’appuntamento a Scandicci è in Piazza della Resistenza, presso lo stand istituzionale, dove le donne e gli uomini della Pubblica Assistenza Humanitas appositamente formati, dalle ore 10.00 alle ore 22.00 di sabato 15 ottobre e dalle ore 10.00 alle ore 20.00 di domenica 16 ottobre, incontreranno la cittadinanza, consegneranno materiale informativo e risponderanno alle domande su cosa ogni singolo può fare per ridurre il rischio e i pericoli in caso di eventi alluvionali. Da quest’anno infatti, non sarà solo il pericolo sismico al centro delle attività di informazione e sensibilizzazione della campagna: anche la minaccia alluvione e maremoto saranno argomenti di primo piano, inseriti e trattati grazie al supporto dell’Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale e dell’Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. Una campagna in continua crescita e sempre più capillare, nata da un’idea tanto semplice quanto efficace: il sistema migliore per difendersi da un rischio è conoscerlo. Ma questa conoscenza, per essere veramente utile, necessita di un livello di approfondimento che difficilmente può essere comunicato con uno spot televisivo o radiofonico. L’ideale, per ogni singolo cittadino, sarebbe quindi parlare con qualcuno che vive e opera sul proprio territorio, conosciuto dalle istituzioni locali e dai cittadini, capace di raccontargli tutto quello che occorre sapere sul terremoto, sul maremoto o su qualsiasi altro pericolo, magari incontrandolo direttamente nella piazza della sua città.

«La consapevolezza del rischio e la conoscenza delle buone pratiche di Protezione Civile – dichiara Filippo Lotti, neo presidente della P. A. Humanitas – rappresentano lo strumento più efficace per limitare i pericoli causati dalle catastrofi naturali. Una collettività informata e cosciente è una collettività più sicura. “Io non rischio” quest’anno, in particolar modo, assume un rilievo fondamentale per l’intera comunità fiorentina, perché ricorre il 50esimo anniversario della devastante alluvione che ha stravolto la provincia nel 1966. Per questo invitiamo con forza tutti i cittadini di Scandicci e dei paesi limitrofi a recarsi presso il nostro punto informativo». Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

Controlla anche

SEPSI

Lotta alla Sepsi, in Toscana il primo programma sanitario

Fonte: www.055firenze.it Sepsi emergenza sanitaria globale, in crescita vertiginosa soprattutto nei Paesi ad alto reddito. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *